Home > Comunicati > Comunicato Lega Ippica Italiana

Comunicato Lega Ippica Italiana

Comunicato stampa degli operatori ippici e degli ippodromi, indignati dal
comportamento tenuto dal Ministero dell’Agricoltura
L’Ippica italiana è allo stremo, tutti quanti gli operatori vivono un momento insostenibile di
difficoltà economica che ha già costretto molte aziende alla chiusura e interrotto il volano
economico del settore.
Riteniamo doveroso denunciare i responsabili del Dicastero Agricolo, già oggetto nei giorni
scorsi di provvedimenti giudiziari che fanno molto riflettere, e guidato da Mario Catania
candidato capolista per l’UDC alle prossime elezioni politiche in Campania ed in altri
numerosi collegi elettorali.
Preso atto della persistenza di questa inaccettabile situazione, il Comitato Promotore del
progetto Lega Ippica Italiana, e per esso alcuni operatori e società di corse, hanno dato
mandato ai propri legali di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Roma
contro le figura apicali di Governo del settore, per aver programmato l’attività agonistica
ippica e aver consentito che i relativi costi, sin dal gennaio 2012, venissero sostenuti
unicamente dagli operatori del comparto, indotti ripetutamente in errore con assicurazioni
sulla disponibilità di adeguate risorse finanziarie, garantendo agli stessi i premi al traguardo
e le remunerazioni per gli ippodromi.
Di fatto, ad oggi, il pagamento dei premi è fermo a giugno 2012 e quello dei compensi delle
Società di Corse è fermo addirittura al maggio 2012.
Il comportamento del MIPAAF, nella gestione del dr. Ministro Catania, si è sempre
dimostrato inaffidabile e inadeguato. Durante una riunione plenaria presso lo stesso
Ministero nello scorso mese di febbraio, venne solennemente dichiarato che 35 milioni di
euro, recuperati dall’annullamento di un debito di ASSI verso AAMS/SOGEI, sarebbero
stati aggiunti a quelli previsti, destinandoli tutti al montepremi (con responsabile
accettazione degli ippodromi), e così si ottenne l’interruzione dello sciopero che durava
oramai da 40 giorni.
Con il trascorrere del tempo non si è mai concretizzato questo stanziamento, mentre il
Ministero affermava che le risorse erano nelle disponibilità di ASSI e che sarebbero state
erogate quanto prima. Alla fine dell’anno 2012 degli stanziamenti non si è vista traccia
come del resto tutti paventavano.
In questo contesto suona irridente e offensiva, verso tutti gli operatori del settore, la presa
di posizione assunta dal Ministro Catania nella sua ultima dichiarazione, con la quale
addossa tutta la responsabilità dell’attuale situazione, al mancato accordo con il Ministero
dell’Economia circa i termini di riforme e rilancio del settore ippico nazionale, e lascia al
suo successore il gravoso compito di porre in atto quanto richiesto da più parti sulle
iniziative da assumere.
Roma 28 gennaio 2013
Il Comitato Promotore la Lega Ippica Italiana

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: