Home > Comunicati > LAV. PALIO DI FOSSANO (CUNEO): MUORE UN CAVALLO SUBITO DOPO LA GARA. LAV: BASTA CON QUESTI SPETTACOLI CRUDELI E ANACRONISTICI…

LAV. PALIO DI FOSSANO (CUNEO): MUORE UN CAVALLO SUBITO DOPO LA GARA. LAV: BASTA CON QUESTI SPETTACOLI CRUDELI E ANACRONISTICI…

PALIO DI FOSSANO (CUNEO): MUORE UN CAVALLO SUBITO DOPO LA GARA

LAV: BASTA CON QUESTI SPETTACOLI CRUDELI E ANACRONISTICI, GLI ANIMALI NON DEVONO PAGARE CON LA VITA IL VILE DIVERTIMENTO DELL’UOMO

Un altro cavallo vittima di quella che si continua ostinatamente a chiamare “tradizione”, stavolta al palio di Fossano (Cuneo) che si è corso sabato 23 giugno. Scarne le notizie pubblicate sui giornali, solo che il cavallo che correva sotto i colori del Borgo Romanisio, cavalcato dal fantino Walter Aimar, è morto a fine gara nelle scuderie allestite dietro il Castello.

“Le prestazioni agonistiche richieste a questi animali sono molto impegnative e non è inusuale che la fatica, unita al caldo torrido, possa far collassare alcuni soggetti, anche se allenati. E questo accade perché la smania di vincere spinge i fantini a spronare i cavalli oltre le loro naturali possibilità fisiche – dichiara Nadia Zurlo, responsabile nazionale del settore Equidi LAV – Gli equidi impiegati in queste manifestazioni devono essere dichiarati idonei alla corsa da apposita visita medica, a cura del veterinario nominato dal comitato organizzatore, che deve valutare lo stato di salute generale e l’assenza di patologie in grado di mettere a rischio la vita dell’animale quando pratica attività sotto sforzo. Quanti anni aveva questo cavallo? Che tipo di esami sono stati effettuati dal veterinario prima della gara, essendoci una certa discrezionalità sulle visite, visto che manca un protocollo standard che definisca in modo inequivocabile le prove cui sottoporre i cavalli?”

La LAV chiede che venga immediatamente aperta un’inchiesta per appurare la causa della morte del cavallo, e si riserverà di agire nelle sedi opportune qualora il palio non sia stato organizzato secondo i requisiti previsti dall’Ordinanza del Ministero della Salute del 21 luglio 2011.

“E’ ora di abolire tutte le manifestazioni con animali, non è ammissibile che ancora oggi si usino degli esseri viventi per il vile divertimento dell’uomo – afferma la LAV di Cuneo – Il palio di Lodi è la dimostrazione che gli animali non servono ad attirare turisti e pubblico, si può benissimo festeggiare ricorrenze ed eventi storici con la partecipazione diretta dei cittadini, che in questo caso diventano i protagonisti dell’evento; senza costringere i cavalli a correre sotto la spinta del frustino o perfino a restare uccisi a causa di una discutibile competizione: solo così potremo contribuire a rendere questo paese realmente civile e socialmente avanzato”.

25 giugno 2012

Ufficio stampa LAV Sede nazionale tel . 064461325 http://www.lav.it

LAV Cuneo Tel. 347/2546762 lav.cuneo-vallate@lav.it

Categorie:Comunicati
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: